Intervista Maria Antonietta Cambrea
News Video e Approfondimenti
Ivan Verzilli

( Medico Odontoiatra Olistico – Ortodontista Funzionale – Esperta in Dentosofia )

per conoscere meglio le peculiarità della Dentosofia : Un Approccio Olistico e Naturale alla

Salute della Bocca , una Odontoiatria Funzionale Integrata .

Salve Dottoressa e Grazie per aver accolto la nostra richiesta !

Ivan :Dr.ssa M.Antonietta Cambrea , vuole cortesemente descriverci di cosa si occupa ?

Dr.ssa M. Antonietta Cambrea : Certamente !

Sono un Medico Odontoiatra , mi occupo di Odontoiatria Biologica Integrata, Odontoiatria Pediatrica, Ortodonzia Funzionale e Dentosofia ,

sono Dirigente Medico di Primo Livello presso L’Ospedale Manzoni di Lecco ,

sono stata per 11 anni Consulente di Ortognatodozia presso il Reparto di Chirurgia Maxillo Facciale dell’Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano,

sono Titolare del mio Studio Dentistico sito in Varenna ,in provincia di Lecco ,

dove svolto la mia attivita’ libero professionale e mi dedico prevalentemente alla cura delle malocclusioni tramite l’utilizzo della Ortodonzia , della Terapia Miofunzionale e della Dentosofia ,

all’interno del mio studio ho creato un servizio di Odontoiatria Pediatrica per seguire lo sviluppo e la crescita dei miei piccoli pazienti , allo scopo di prevenire , curare ed intercettare , tutti i problemi della bocca utilizzando sia terapie classiche che non convenzionali compresa appunto l’Osteopatia , e la Dentosofia e la Riabilitazione NeuroOcclusale ,

curo spesso anche i genitori dei miei piccoli pazienti , quindi anche gli adulti ,

utilizzando le stesse metodiche ,mi occupo quindi di tutte le alterazioni della bocca che creano un disequilibrio nel corpo del paziente con ripercussioni sul suo piano psicoaffettivo e sulla postura .

Ivan: Potrebbe dirci In cosa Consiste la Dentosofia ?

Dr.ssa M.Antonietta Cambrea : La Dentosofia vuole dire letteralmente “Saggezza dei denti “, e’ una metodica che nasce in Francia grazie ai dottori Rodrigue Mathieu e Michel Montaud negli anni’ 80; e si rifa’ ai principi di riabilitazione neuroocclusale di Pedro Planas e’ un modo rivoluzionario di interpretare le problematiche della bocca , e attribuisce ad essa un ruolo fondamentale per l’equilibrio e la salute di tutto l’organismo .

E’ una terapia funzionale che si prefigge di riarmonizzare , occlusione , denti e postura.

Alla nascita , la bocca viene modellata strutturalmente da Funzioni Fondamentali quali : Respirazione , Suzione , Fonazione , Deglutizione e Masticazione nonche ‘ risente delle esperienze emozionali che il bambino ha nell’ambiente in cui vive .

L’Alterazione di una o piu’ di queste funzioni causa la malocclusione , queste funzioni , dal punto di vista neurofisiologico sono interdipendenti tra di loro .

Il paziente quando viene curato con questo approccio terapeutico viene esaminato in tutta la sua globalita ‘ e con questo percorso gli si permette di mettere in evidenza la relazione esistente tra la riarmonizzazione della sua bocca e il riequilibrio del suo corpo , sia a livello fisico che psico-affettivo , in quanto il corpo i risente a livello posturale ed emozionale di una malocclusione e di una scorretta masticazione .

…………………………………….

IVAN: Di Quali strumenti fa uso la dentosofia? e quali sono gli obiettivi che si prefigge ?

Dr.ssa M.Antonietta Cambrea :E’ appunto una terapia funzionale , che si prefigge di rimettere in equilibrio tutte le funzioni della bocca di cui abbiamo accennato prima , o quanto meno di dare un miglioramento in senso fisiologico a tali funzioni ;

lo strumento fondamentale della Dentosofia e‘ ” L’Attivatore” detto anche Apparecchio Pluri Funzionale opp APF , e’ un apparecchio rimovibile , per tanto il paziente lo puo’ togliere , viene usato prevalentemente in casa, durante la fase notturna del sonno , ed alcune ore di giorno, e’ realizzato in un materiale morbido ,e viene personalizzato , rendendolo specifico per ogni percorso terapeutico.

L’Attivatore agisce proprio rieducando la respirazione nasale , impedendo quindi di usare la bocca per respirare , guida la lingua a posizionarsi in modo corretto , cioe’ sul palato e con la punta sulla papilla retroinsiciva superiore , agisce sulla masticazione sollecitata da microstimolazioni date ai denti attraverso il mordicchiamento dell’apparecchio , corregge la posizione scorretta della mandibola che magari e’ piu’ spostata da un lato , favorisce la pressione concentrica delle labbra e delle guance sulle arcate dentarie , in quanto questo apparecchio non ha ancoraggi meccanici , ma viene trattenuto e stabilizzato in bocca dai muscoli .E’ importantissimo pero’ , oltre a portare l’apparecchio in bocca eseguire in maniera diligente e costante degli esercizi , sono esercizi semplici che vengono insegnati dal terapeuta al paziente a secondo della funzione che ‘e ‘ in disequilibrio e che si vuole riequilibrare .Sono esercizi di tipo propriocettivo , riguardanti la cinetica della muscolatura linguale o delle guancie o esercizi per la funzione respiratoria o della dinamica mandibolare e servono appunto a stimolare la guarigione e dare un nuovo funzionamento alla bocca , si aggiungono anche esercizi di terapia miofunzionale e di logopedia , qualora fossero necessari , per ottenere una rieducare della deglutizione e a questo si aggiungono

anche trattamenti di tecnica osteopatica , per ottenere l’ equilibrio cranio sacrale e/ o viscerale dell’ intero organismo .

Durante il percorso terapeutico , puo’ rendersi necessario usare anche degli altri apparecchi funzionali che mirano sempre ad rieducare le funzioni della bocca per raggiungere quindi una modifica della forma cioe’ della struttura del cavo orale.

I concetti della Dentosofia derivano anche dall’Antroposofia di Rudolf Steiner , che fu l’ideatore di un metodo pedagogico che ancora oggi viene applicato nelle Scuole Steneirane e che sono diffuse in tutto il mondo .

Ivan: Fino a che eta’ ci si puo’ curare con la dentosofia ?

Dr.ssa M.Antonietta Cambrea :Non esiste alcun limite di eta’, perche ‘in ogni caso tale metodica apporta comunque un miglioramento delle funzioni della bocca , certamente il risultato che si ottiene dipende molto da quanto la disfunzione ha agito in bocca e a che livello ha creato danno sulla struttura dei denti , delle articolazioni , delle gengive , dei muscoli della masticazione ; sarebbe bene iniziare il piu’ precocemente possibile , purtroppo ancora oggi molti miei colleghi , ed anche pediatri sono convinti che il trattamento ortodontico debba essere svolto a permuta avvenuta ,cioe’ al cambio di tutti i denti , invece le malocclusioni vanno intercettate e corrette durante la fase dei denti da latte ed il piu’ presto possibile, prima che si strutturino lesioni craniche e quindi che la crescita cranio facciale si sia conclusa, quindi si puo ‘intervenire anche a 3/4 anni per correggere le funzioni neurovegetative della bocca , respirazione e deglutizione in primis , che sono quelle che indirizzano la crescita della bocca ,determinando l’allineamento dei denti e l’armonia del viso , abitudini viziate e comportamenti scorretti possono determinare le alterazioni facciali.

La Dentosofia e’ una metodica dolce , poco invasiva per cui si presta alla cura del piccolo paziente , naturalmente’ presuppone la collaborazione attiva , e funziona benissimo anche negli Adulti .

Diciamo che mentre nei bambini si ha un maggior effetto Ortopedico Cranio –Occluso -Posturale,negli adulti , la terapia diventa un percorso di Auto- Guarigione , grazie agli esercizi da eseguire quotidianamente , il paziente e’ come se facesse esercizi di meditazione spirituale, oppure si potrebbe definire anche yoga dei denti ,

entrando quindi in contatto con se stesso ,e con parti di se a cui di solito non presta attenzione : il proprio respiro , il proprio ritmo cardiaco ;

ascoltando cioe’ il proprio ritmo vitale , ne determina la riattivazione ;

la bocca diventa a questo punto ,per lui , quella parte del corpo che gli permette di superare e comprendere cio’ che gli e’ successo a livello psicoemotivo , che gli permette di

analizzare la propria storia biografica , di superare i conflitti espressi nel disagio dentale , raggiungendo cio’ che era destinato ad essere e , soprattutto , a diventarne l’artefice .

La bocca quindi diviene un luogo di apprendimento e trasformazione di se stessi ,

dandosi infatti , il giusto spazio e tempo , durante gli esercizi si scaricano le tensioni accumulate e si favorisce in modo naturale , senza forzature , la possibilita’ di prendere coscienza di se stesso e di mettere in discussione proprie abitudini comportamentali , che erano profondamente registrate negli schemi neuro –muscolari del sistema nervoso .

Dr.ssa Maria Antonietta Cambrea

Dirigente Medico Ospedaliero Specialistica Ambulatoriale

Odontoiatra Funzionale – Dentosofa – Health Oral Coach

Studio dentistico Via C.Venini , 156

23829 Varenna ( LC )

Phone +39 0341 830396

Sito : http://www.dentosofiacambrea.it/

Pagina facebook dottoressa Cambrea

Intervista alla Dott.ssa Maria Antonietta Cambrea (Medico Odontoiatra Olistico – Ortodontista Funzionale – Esperta in Dentosofia ultima modifica: 2019-02-15T09:30:41+00:00 da Ivan Verzilli