Servizi medici a casa tua
Infermiere Facile

La Sindrome da Intestino Irritabile (SII) è un disturbo che colpisce l’intestino. I sintomi possono essere da lievi a molto gravi e comprendere dolore addominale, diarrea, stitichezza, distensione addominale e flatulenza.

Molta gente colpita da SII spesso si sente in imbarazzo per i sintomi e non si sente a proprio agio a parlarne con un medico. Fortunatamente esistono metodi alternativi che si possono impiegare per aiutare ad alleviare i sintomi e curare la sindrome da intestino irritabile. Uno di questi metodi alternativi è l’ipnosi.

La SII è più comune di quanto si pensi e, in alcuni paesi, quasi il 20% della popolazione ne è colpita. I casi più gravi di SCI possono essere invalidanti e molta gente non risponde bene ai tradizionali metodi di trattamento.

Molti hanno riferito i benefici ottenuti cambiando il proprio stile di vita, le proprie abitudini alimentari e inserendo un’attività fisica nella propria vita.

Anche poter controllare lo stress è un’abilità molto importante se si desidera porre fine ai sintomi della SII.

Sono stati realizzati diversi studi per provare i benefici dell’ipnoterapia in pazienti affetti da SCI. Whorwell (2000) studiò l’effetto dell’ipnoterapia in pazienti con SII. Allo studio parteciparono 30 persone con casi gravi di SII. I partecipanti vennero divisi in modo casuale in due gruppi. Su di un gruppo venne effettuato un trattamento di ipnoterapia, mentre l’altro fu sottoposto a una cura placebo e una terapia di supporto. I partecipanti vennero valutati tre mesi dopo il trattamento.

Tutti quelli del gruppo di ipnoterapia riferirono di aver avuto dei miglioramenti significativi. Tuttavia solo due partecipanti dell’altro gruppo mostrarono un miglioramento durante il controllo. Lo studio proseguì e continuò valutando il gruppo sottoposto a ipnosi, misurando la loro motilità gastrointestinale durante i 18 mesi successivi alla fine del trattamento. Il ricercatore concluse che le persone con SII trattate con ipnosi avevano la capacità di migliorare la propria mobilità gastrointestinale, avendo così miglioramenti significativi dei suoi sintomi.

Houghton, Heyman e Whorwell (1996) analizzarono l’effetto del trattamento con ipnoterapia in casi di SII grave, così come l’impatto economico e la qualità della vita. Allo studio parteciparono 50 pazienti con età compresa tra i 21 e i 58 anni. I 50 partecipanti furono interrogati sui loro sintomi della SII, sulla qualità della loro vita e sul loro lavoro. Venticinque partecipanti furono sottoposti a sedute di ipnoterapia per curare la loro sindrome. I 25 partecipanti restanti costituirono il gruppo di controllo e non ricevettero alcun tipo di trattamento.

In seguito al trattamento vennero valutati entrambi i gruppi. I risultati mostrarono che quelli del gruppo di ipnoterapia riportarono miglioramenti per i seguenti sintomi: dolore, gonfiore, flatulenza, nausea, sonnolenza e problemi urinari. Quelli del gruppo dell’ipnosi mostrarono inoltre un miglioramento del benessere generale, maggiore energia, miglioramenti dell’umore e sul lavoro.

Durante lo studio, il 75% del gruppo di controllo, dovette assentarsi dal lavoro a causa dei sintomi della SII, in confronto al 27% di quelli sottoposti a ipnoterapia. Inoltre, il 52% del gruppo di controllo visitò il proprio medico durante lo studio, mentre solo il 14% di quelli del gruppo dell’ipnoterapia si rivolse al proprio dottore. Quattro persone del gruppo dell’ipnosi dovettero lasciare il proprio lavoro per i propri problemi. Dopo lo studio, tre di loro furono reintegrati ai rispettivi lavori. D’altra parte delle otto persone del gruppo di controllo che furono impossibilitate ad andare a lavorare, nessuna di esse fu capace di ritornare a svolgere le proprie funzioni una volta terminato lo studio.

Questo studio mostra come l’ipnoterapia non solo sia capace di migliorare i sintomi della SII, ma sia anche in grado di migliorare il benessere generale di chi si sottopone a ipnosi. L’ipnoterapia migliora l’umore e permette ai pazienti con SCI di svolgere le attività quotidiane in assoluta normalità. C’è un enorme impatto economico potenziale al sottoporre una terapia di ipnosi in persone che soffrono di SII.